Macerata
BES ED INCLUSIONE

I BES nascono in maniera formale nel 2012 con la Direttiva Ministeriale “Strumenti di intervento per alunni con Bisogni Educativi Speciali e organizzazione territoriale per l’inclusione scolastica“. Successivi Decreti, Circolari e Note del Miur pubblicati dal 2013 ad oggi chiariscono ulteriormente cosa si intende per BES e quali sono i passi che la scuola deve affrontare. 

L'acronimo delinea una macro-area nella quale sono compresi tutti quegli studenti che hanno necessità di attenzione speciale lungo il loro percorso scolastico per motivi diversi a volte certificati da una diagnosi ufficiale di tipo medico, bisogni permanenti o superabili grazie a interventi mirati e specifici. Il panorama è molto ampio: si può trattare di svantaggio sociale e culturale, di disturbi specifici di apprendimento e/o di disturbi evolutivi specifici, di difficoltà derivanti dalla non conoscenza della cultura e della lingua italiana in alunni appartenenti a culture diverse.

Il profilo pedagogico che prende forma di fronte a tale quadro è quello di una scuola inclusiva, che, anche in virtù delle recenti disposizioni, pone l’attenzione ad ogni situazione, in un’ottica di maggiore adattabilità e flessibilità, di maggiore responsabilità educativa e didattica rispetto a una diagnosi, di maggiore corresponsabilità tra gli insegnanti.

 

INDICAZIONI E RIFERIMENTI NORMATIVI

 

 SITI UTILI

 

DIDATTICA A DISTANZA
 

 

Articoli

Materiali e risorse

 

 DA LEGGERE... 

  • Scarica Visualizza VADEMECUM PER I DOCENTI CHE INSEGNANO IN CLASSI IN CUI SONO PRESENTI BES

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.