Macerata
PCTO - Percorsi per le Competenze Trasversali e per l'Orientamento

a.s. 2020/2021

CLASSI TERZE

SICUREZZA LUOGHI DI LAVORO

 

ARTICOLAZIONE DEL PERCORSO  FORMATIVO  DEGLI STUDENTI DI CUI ALL'ARTICOLO 21, COMMA 1, DEL D.LGS. N. 81/08

   Il percorso formativo di seguito descritto si articola in due moduli distinti i cui contenuti sono riportati di seguito(individuabili alle lettere a)  e b) del comma 1 e al comma 3 dell'articolo 37 del D.Lgs. n. 81/08).

   Deve essere garantita la maggiore  omogeneità  possibile  tra  i partecipanti al corso, così costituito: 4 ore di Formazione Generale + 8 ore di Formazione Specifica per i settori della classe di rischio medio: TOTALE 12 ore.

 

    MOD 1 - Formazione Generale (in modalità e-learning)

   Con riferimento alla lettera a) del comma 1 dell'articolo 37  del D.Lgs. n. 81/08, la  durata  del  modulo  generale  non  deve  essere inferiore alle 4 ore, e deve essere dedicata alla presentazione dei concetti generali in tema di prevenzione e sicurezza sul lavoro.

    Contenuti:

  1. concetti di rischio,
  2. danno,
  3. prevenzione,
  4. protezione,
  5. organizzazione della prevenzione aziendale,
  6. diritti, doveri e sanzioni per i vari soggetti aziendali,
  7. organi di vigilanza, controllo e assistenza.

    Durata Minima:  4 ore per tutti i settori Ateco.


   MOD 2
- Formazione Specifica (in presenza o in videoconferenza)

   Con riferimento alla lettera b) del comma 1 e al comma 3 dell'articolo 37 del D.Lgs. n. 81/08, la formazione deve avere durata minima di 8 ore (rischio medio)  in funzione dei rischi riferiti alle mansioni e  ai  possibili  danni  e alle conseguenti misure e procedure di prevenzione e protezione caratteristici del settore istruzione (corrispondenze ATECO 2002-2007).

 

    Contenuti:

  1. Rischi infortuni,
  2. Meccanici generali,
  3. Elettrici generali,
  4. Macchine,
  5. Attrezzature,
  6. Cadute dall'alto,
  7. Rischi da esplosione,
  8. Rischi chimici,
  9. Nebbie - Oli - Fumi - Vapori - Polveri,
  10. Etichettatura,
  11. Rischi cancerogeni,
  12. Rischi biologici,
  13. Rischi fisici,
  14. Rumore,
  15. Vibrazione,
  16. Radiazioni,
  17. Microclima e illuminazione,
  18. Videoterminali,
  19. DPI Organizzazione del lavoro,
  20. Ambienti di lavoro,
  21. Stress lavoro-correlato,
  22. Movimentazione manuale carichi,
  23. Movimentazione merci (apparecchi   di   sollevamento,   mezzi trasporto),
  24. Segnaletica,
  25. Emergenze,
  26. Le procedure di sicurezza con riferimento al profilo di rischio specifico,
  27. Procedure esodo e incendi,
  28. Procedure organizzative per il primo soccorso,
  29. Incidenti e infortuni mancati,
  30. Altri Rischi.

    La trattazione dei rischi sopra indicati va declinata secondo  la loro effettiva presenza nel settore di  appartenenza  dell'azienda  e della specificità del rischio ovvero secondo gli obblighi e i rischi propri delle attività svolte dal lavoratore, secondo quanto previsto all'articolo 21 del D.Lgs. n. 81/08. I contenuti e la durata sono subordinati all'esito della valutazione dei rischi effettuata dal datore di lavoro, e  vanno pertanto intesi come minimi. 

    Infine, tale formazione è soggetta alle ripetizioni periodiche (6 ore nei prossimi 5 anni) previste al comma 6 dell'articolo 37 del D.Lgs. n. 81/08, con riferimento ai rischi individuati nella "valutazione dei rischi".

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.