PCTO - Percorsi per le Competenze Trasversali e per l'Orientamento

a.s. 2020/2021

CLASSI TERZE

SICUREZZA LUOGHI DI LAVORO

 

ARTICOLAZIONE DEL PERCORSO  FORMATIVO  DEGLI STUDENTI DI CUI ALL'ARTICOLO 21, COMMA 1, DEL D.LGS. N. 81/08

   Il percorso formativo di seguito descritto si articola in due moduli distinti i cui contenuti sono riportati di seguito(individuabili alle lettere a)  e b) del comma 1 e al comma 3 dell'articolo 37 del D.Lgs. n. 81/08).

   Deve essere garantita la maggiore  omogeneità  possibile  tra  i partecipanti al corso, così costituito: 4 ore di Formazione Generale + 8 ore di Formazione Specifica per i settori della classe di rischio medio: TOTALE 12 ore.

 

    MOD 1 - Formazione Generale (in modalità e-learning)

   Con riferimento alla lettera a) del comma 1 dell'articolo 37  del D.Lgs. n. 81/08, la  durata  del  modulo  generale  non  deve  essere inferiore alle 4 ore, e deve essere dedicata alla presentazione dei concetti generali in tema di prevenzione e sicurezza sul lavoro.

    Contenuti:

  1. concetti di rischio,
  2. danno,
  3. prevenzione,
  4. protezione,
  5. organizzazione della prevenzione aziendale,
  6. diritti, doveri e sanzioni per i vari soggetti aziendali,
  7. organi di vigilanza, controllo e assistenza.

    Durata Minima:  4 ore per tutti i settori Ateco.


   MOD 2
- Formazione Specifica (in presenza o in videoconferenza)

   Con riferimento alla lettera b) del comma 1 e al comma 3 dell'articolo 37 del D.Lgs. n. 81/08, la formazione deve avere durata minima di 8 ore (rischio medio)  in funzione dei rischi riferiti alle mansioni e  ai  possibili  danni  e alle conseguenti misure e procedure di prevenzione e protezione caratteristici del settore istruzione (corrispondenze ATECO 2002-2007).

 

    Contenuti:

  1. Rischi infortuni,
  2. Meccanici generali,
  3. Elettrici generali,
  4. Macchine,
  5. Attrezzature,
  6. Cadute dall'alto,
  7. Rischi da esplosione,
  8. Rischi chimici,
  9. Nebbie - Oli - Fumi - Vapori - Polveri,
  10. Etichettatura,
  11. Rischi cancerogeni,
  12. Rischi biologici,
  13. Rischi fisici,
  14. Rumore,
  15. Vibrazione,
  16. Radiazioni,
  17. Microclima e illuminazione,
  18. Videoterminali,
  19. DPI Organizzazione del lavoro,
  20. Ambienti di lavoro,
  21. Stress lavoro-correlato,
  22. Movimentazione manuale carichi,
  23. Movimentazione merci (apparecchi   di   sollevamento,   mezzi trasporto),
  24. Segnaletica,
  25. Emergenze,
  26. Le procedure di sicurezza con riferimento al profilo di rischio specifico,
  27. Procedure esodo e incendi,
  28. Procedure organizzative per il primo soccorso,
  29. Incidenti e infortuni mancati,
  30. Altri Rischi.

    La trattazione dei rischi sopra indicati va declinata secondo  la loro effettiva presenza nel settore di  appartenenza  dell'azienda  e della specificità del rischio ovvero secondo gli obblighi e i rischi propri delle attività svolte dal lavoratore, secondo quanto previsto all'articolo 21 del D.Lgs. n. 81/08. I contenuti e la durata sono subordinati all'esito della valutazione dei rischi effettuata dal datore di lavoro, e  vanno pertanto intesi come minimi. 

    Infine, tale formazione è soggetta alle ripetizioni periodiche (6 ore nei prossimi 5 anni) previste al comma 6 dell'articolo 37 del D.Lgs. n. 81/08, con riferimento ai rischi individuati nella "valutazione dei rischi".

 

LEZIONE 1= 0-Luoghi di lavoro
LEZIONE 1= 1-IL PE LSMC
LEZIONE 1= 2-DM 26 agosto 1992
LEZIONE 1= 3-Test Lavorat LSMC
LEZIONE 2= 1-Agenti chimici 2 Marta
LEZIONE 2= 2-es. scheda sicurezza
LEZIONE 2= 2-es. scheda sicurezza nuova
LEZIONE 2= 3-Pittogrammi-nuove etichette
LEZIONE 2= 3-Etichettatura CLP
LEZIONE 2= 4-DP12 marta
LEZIONE 2= 5-Test Lavorat LSMC 2
LEZIONE 3= 1-Lavoro VDT
LEZIONE 3= 2-Manuale SUVA
LEZIONE 3= 3-Allergeni Marta
LEZIONE 3= 4-Test Lavorat LSMC 3
LEZIONE 4= 1-23 Check List
LEZIONE 4= 2-23 STRESS 09
LEZIONE 4= 3-IL PE LSMC
LEZIONE 4= 4-DM 26 agosto 1992
LEZIONE 4= 5-Test Lavorat LSMC